Un attaccante e due centrocampisti. La Lazio per puntare in alto deve fare uno sforzo economico, e attraverso un mercato intelligente rinforzare la squadra. È chiaro che sia più facile dirlo che farlo, ma pensare che tutto il calciomercato invernale sia bloccato dalla cessione di Mauro Zarate è incredibile. Bisogna fare il salto di qualità, e la Lazio ci sta provando, ma ad oggi tutto sembra dipendere dall'italo-argentino. Dalla sua cessione infatti si potrebbe ricavare un 'tesoretto' da rimettere sul mercato, sei-otto milioni per il cartellino più tutti i soldi che si risparmieranno sul salario del giocatore, arrivando così ad una cifra tra i 12 e i 15 milioni di euro, che servirebbero a rinforzare due reparti che hanno bisogno di aiuto.

A conti fatti l'attacco ha segnato in campionato solo con Klose, e questo è il primo dato importante: serve una punta che sotto porta abbia quell 'killer instinct' che gli permetta di fare gol anche quando Klose non c'è. A centrocampo serve un vice Gonzalez ed un'alternativa a Ledesma: un nome c'è - a parte Lampard, che i tifosi vorrebbero ma che alla Lazio almeno per ora non interessa - ed è quello di Radja Nainggolan. A Lotito è richiesto un ultimo sforzo per raggiungere la Champions e chissà, dar fastidio a qualcuno lassù.