George Hagi, icona del calcio mondiale, ha rilasciato una lunga intervista al Corriere dello Sport alla vigilia di Steaua Bucarest- Lazio.
L'ex stella romena, oggi proprietario e allenatore del Viitorul Costanza, squadra da lui fondata nel 2009, ha indossato in carriera le maglie tra le altre di Barcellona e Real Madrid, oltre al periodo italiano al Brescia. Ora porta avanti un progetto fondato sui giovani, che sono il perno del Viitorul, con il quale è riuscito in pochi anni ad arrivare al titolo di campione di Romania.

VIITORUL - "Abbiamo creato la miglior accademia della Romania, 35 giocatori su 100 della nazionale provengono dal nostro club. Abbiamo vinto il titolo con il 72% della rosa proveniente dal vivaio. Dai 7 ai 12 anni puntiamo su ragazzi di Costanza, dai 13 ai 18 da tutta la Romania".

IANIS HAGI - "Mio figlio è stato considerato uno dei 100 giovani più forti al mondo. Penso abbia talento, credo farà una bella strada, da grande numero 10. Si è allenato un anno e mezzo con la Fiorentina, non è vero come dice Pioli che aveva troppa fretta, sono dispiaciuto che i viola non gli abbiano dato una reale possibilità".

STEAUA BUCAREST - "Hanno tanta esperienza, hanno passato il girone da primi, non sarà facile per la Lazio: Lo Steaua può farcela, ma non dovrà sbagliare niente. Se indovinano la giornata giusta saranno difficili da fermare. Considero la qualificazione aperta".

RADU - "E' un grande giocatore, mi dispiace non abbia più giocato per la Romania, lo meritava perchè ha tanta qualità, si è fatto rispettare all'estero".

LAZIO - "Considerando il budget ridotto stanno facendo qualcosa di incredibile, negli ultimi due anni hanno indovinato tutto. Immobile è un grande attaccante, ma ci sono anche tanti giovani di classe. Mi piace molto Strakosha. Hanno un bel futuro davanti".