È l'ultimo sforzo del campionato, il traguardo dista solo 90' minuti. Petkovic carica la Lazio, sogna l'Europa League e spera nella vittoria dell'Inter contro l'Udinese. Ma prima c'è da battere il Cagliari, guai a sottovalutare l'undici di Pulga: «Questo match conta tantissimo – ha spiegato l'allenatore – può permetterci di confermare quello che abbiamo fatto per tutta la stagione. Durante l'anno abbiamo fatto benissimo in Europa, ora abbiamo la possibilità di fare altrettanto in coppa Italia e in campionato». Non sarà semplice, il Cagliari non ha nessuna intenzione di andare in vacanza con una giornata d'anticipo, sul neutro di Trieste sarà gara vera: «Non è una partita scontata. Dobbiamo cercare di dare tutto e vincere la partita. Poi vedremo i risultati degli altri». Petkovic non fa calcoli, chiede il massimo dai suoi in attesa di un favore dall'Inter: «Spero che i miei ragazzi diano il 100% e che la squadra giri in modo ottimale».
Prima il campionato e l'obiettivo Europa, da lunedì ci sarà modo e tempo per pensare al derby, parola «sconosciuta» in questa settimana dalle parti di Formello: «Non ne abbiamo mai parlato in questi giorni. Ma è chiaro che vincendo arriveremmo meglio anche sotto il punto di vista della convinzione».
Contro il Cagliari avanti con il 4-4-2. Hernanes, Radu, Pereirinha, Saha e Rozzi sono rimasti a Roma, tutti e cinque rientreranno per la finale di coppa Italia. Esterno basso a sinistra giocherà Stankevicius. Al centro la coppia Cana-Dias(Biava non è al top della forma dopo il problema alla tibia). A centrocampo ballottaggio tra Onazi e Gonzalez per un posto al fianco di Ledesma, sugli esterni spazio a Candreva e Lulic. In attacco Klose e Floccari.