Piccola pausa azzurra. Di quelle indispensabili per tirare il fiato e, soprattutto, per riflettere. Credo passerà un bel po’ di tempo prima che decida di tornare in uno stadio. Ho voluto farlo domenica, al Ferraris di Genova, perché immaginavo di poter assistere ad una bella patita, complici Sampdoria e Juventus. Spettacolo zero, dopo venti minuti, e certamente non per responsabilità dei blucerchiati. Ma non è per la noia imbarazzante che sono uscito dallo stadio con dentro un senso di profonda malinconia.

CONTINUA A LEGGERE SU ILBIANCONERO.COM