Dica come Inzaghi? In Romania in molti paragonano l'attuale tecnico dello Steaua a Simone Inzaghi, che lo affronterà questa sera. Intervenuto ai microfoni di Radio Incontro Olympia, l’a.d. del Catania, Pietro Lo Monaco ha parlato degli avversari della Lazio: “La Steaua, al pari della Dinamo, sono club che nel loro paese sono battistrada. Come livelli assoluti c’è poca partita. La Lazio è nettamente superiore. Se la Lazio gioca concentrata e mette in campo il suo equilibrio e le sue accelerazioni, non penso ci sia grande partita.”

MA QUALE SORPRESA -  Su Nicolae Dica, allenatore dello Steaua, Lo Monaco ricorda che fu lui a portarlo in Italia da giocatore: “Dica era un trequartista, una buona base tecnica, un po’ lentino. Era uno dei pochissimi giocatori per cui ho accontentato l’allenatore. Lo voleva tantissimo. Io appena l’ho visto gli dissi che, seppur bravo tecnicamente, per il nostro campionato aveva dei ritmi non all’altezza.”  Poco carisma, questo è certo: “Mi viene un po’ difficile immaginarlo come tecnico trascinatore. Era molto sulle sue, molto pacato e riservato. Molto misurato nelle espressioni. Non mi pare neanche che avesse tutto questo amore per il calcio. In Romania non è difficilissimo fare l’allenatore e succede spesso che prendano personaggi del passato, che hanno fatto bene nel club.” Ma non bisogna paragonarlo ad Inzaghi: “Dica una sorpresa come Inzaghi? Ma non scherziamo. Simone Inzaghi è veramente una sorpresa positiva e direi anche gratificante per il calcio vista la gavetta. La Lazio ha una fisionomia.”