'Penso che sia Mihajlovic che Giampaolo hanno le idee chiare sulle formazioni da mandare in campo domani, mi auguro sia una grande gara e che, saro' di parte, vinca alla fine il Catania'. L'amministratore delegato del Catania Pietro Lo Monaco, ospite ai microfoni di Radio Toscana, parla a poco piu' di ventiquattrore dal posticipo serale che domani sera vedrà la formazione etnea sfidare la Fiorentina. 'Maxi Lopez vive un momento un pò particolare, sta bene fisicamente, ma non riesce a trovare la via del gol.- ha aggiunto l'uomo che si occupa del mercato nel club guidato da Pulvirenti -  Ha bisogno di tempo per sistemare le cose, pur avendo noi buone alternative, come Antenucci che, si propone e sarà domani sera della partita. Martinho ha fatto molto bene a Genova, ma non giocando da sei-sette mesi, nel secondo tempo è calato. Buono dunque il suo esordio'. 'Rimaniamo così a gennaio, qualcuno andrà a giocare di quelli che hanno avuto meno spazio, ma rimarra' gran parte del gruppo a Catania.- ha sottolineato Pietro Lo Monaco.- Cassano? La rescissione non ha senso, il giocatore ha un valore importante, forse lo si può cedere a gennaio, tenendolo fuori da qui alla riapertura del mercato. Reputo Garrone una persona di rispetto, un galantuomo, dispiace per queste situazioni, perchè il recente Cassano aveva cambiato modo e atteggiamenti, dando un'altra immagine di sè. Credo che risolveranno presto le cose'.

Chiusura su un commento sulla vicenda Mutu dell'amministratore delegato catanese. 'Ho già detto che le sue vicende private hanno dato un'immagine di sè diversa da quella che dà sul campo. Dovrebbe fare un esame di coscienza soprattutto perchè ha emonumenti importanti, è giocatore di riferimento e reiterà certi atteggiamenti. Vargas e Mihajlovic nel pregara li vedo come avversari, poi dopo il match lo abbraccero' volentieri'