Per battere un calcio di rigore servono una buona dose di istinto e personalità, qualità che che di certo non mancano a Ricardo Rodriguez e Franck Kessie. Fin dall'inizio della stagione si sono alternati dal dischetto per il Milan, calciandone quattro a testa. Gli ultimi errori in campionato del nazionale svizzero contro la Sampdoria (aggiunto a quello in Coppa Italia con la Lazio) e del centrocampista ivoriano ieri con il Chievo, possono portare a un ribaltamento delle gerarchie.

BONUCCI SI CANDIDA - Le ultime indiscrezioni raccontano di una candidatura forte e decisa da parte di Leonardo Bonucci. Il capitano rossonero potrebbe diventare presto il prossimo rigorista, lui che si è spesso incaricato della battuta in situazioni piuttosto delicate. Nel 2015 nella Supercoppa italiana contro il Napoli a Doha, all'Europeo del 2016 contro la Germania e, di recente, nella semifinale di coppa Italia all'Olimpico con la Lazio. Una scelta definitiva verrà presa al rientro dagli impegni con le varie nazionali, l'obiettivo comune è quello di mantenere inalterato l'equilibrio venutosi a creare all'interno del gruppo.

RODRIGUEZ DEFILATO - Ricardo Rodriguez non falliva un penalty addirittura dal 2014, ha dimostrato negli anni di essere un vero specialista con le maglie del Wolfsburg e della nazionale svizzera. Dopo un avvio di stagione convincente, nelle ultime settimane è parso meno brillante, anche per via dei diversi problemi fisici che lo hanno penalizzato. Da ragazzo intelligente sa di aver perso la prima posizione ma non ne farà un dramma.. Discorso diverso per Kessie, uno che i rigori li vorrebbe calciare sempre e che adesso potrebbe anche cedere la responsabilità a Bonucci. D'altronde il Milan può contare su un team piuttosto vasto grazie ai nuovi arrivi: in passato è toccato anche Lucas Biglia, Hakan Calhanoglu e André Silva nelle loro precedenti esperienze professionali.