Milan:

Donnarumma 6: Ha poche responsabilità sul gol subito, risponde presente in due occasioni.

​Musacchio 6,5: Il migliore dei tre difensori, regge bene l’uno contro uno e sbroglia più di una situazione pericolosa.

Bonucci (Cap) 6: Nel primo tempo commette alcune sbavature evidenti, molto meglio nella ripresa quando guida il reparto con la consueta esperienza.

Romagnoli 5,5: Suo il grave errore che manda in gol Lasagna, un retropassaggio folle. Unica macchia in una gara ordinata.

Calabria 6,5: Motorino inesauribile  sulla destra, suo l’assist decisivo per il primo gol di Kalinic. Convince da esterno nella linea a 5.

Kessie 7: Dominante nella sua porzione di campo, ha la grande capacità di recuperare palla e trasformare l’azione da difensiva in offensiva.

Biglia 7: Riesce sempre a mettere in moto gli esterni con dei cambi di gioco intelligenti. Faro della manovra rossonera.

Bonaventura 6: Montella lo lancia dal 1’, chiedendogli quel cambio di passo fondamentale nel nuovo spartito tattico. Ci riesce a sprazzi, entrando poche volte in zone di campo per offendere. Ordinato, invece, nella gestione del giro palla. (Dal 68’ Calhanoglu 6: Conferma, seppur nei pochi minuti giocati, la crescita dal punto di vista fisico.)

Rodriguez 6,5: Il nuovo ruolo ne esalta la caratteristiche: pensa poco a difendere e mette una quantità di cross pericolosi impressionante.

Suso 5,5: Combina poco, stretto nella morsa dei difensori avversari. Sbaglia la scelta di alcune giocate, errori non da lui. (Dal 68' Cutrone 6: Crea scompiglio nel finale)

Kalinic 7,5: Partecipa attivamente alla manovra venendosi a prendere il pallone a centrocampo senza disdegnare l’attacco della profondità. Bagna la sua prima da titolare a San Siro con una doppietta da rapace dell’area di rigore.

All. Montella 6,5: Cambia molto rispetto alla gara di giovedì in coppa ma le sue scelte, Calabria e Kalinic, gli danno ragione.
 
Udinese:

Scuffet 6,5: Strepitoso quando si allunga a deviare un colpo di testa di Romagnoli destinato in rete.

Samir 5,5: Calabria gli va via con troppa facilità, il brasiliano non riesce a prendergli le misure.

Danilo 5 (Cap): Perde nettamente il duello con Kalinic, nonostante l’avvio incoraggiante corredato da alcuni buoni anticipi.

De Paul 5,5: Parte bene, con i movimenti a rientrare che creano qualche grattacapo agli avversari. Il suo moto dura poco, nella seconda frazione di gara è un fantasma.

Jankto 5,5: Era l’osservato speciale, piace eccome al Milan. Frenato forse dall’emozione, rimane in ombra per tutta la partita. (Dal 74’ Matos s.v)

Lasagna 6,5: Il migliore dei suoi, un gol annullato e uno buono, il primo in maglia bianconera in serie A.  

Larsen 5: Sulla sua corsia il Milan sfonda e crea i maggiori pericoli.

Nuytinck 6: Grande fisicità abbinata a un buon senso della posizione.  Prova tutto sommata positiva.

Maxi Lopez 5: Prestazione impalpabile, non trova mai lo spazio per andare al tiro. (Dal 61’ Bajic 6: Tanto movimento e anche un gol sfiorato di testa).

All. Delneri 6: La sua Udinese resta in partita fino alla fine.