Grande serata, vissuta nel settore riservato a tifosi rossoneri, all'Emirates. I 3500 innamorati di Milan hanno sostenuto, accarezzato, consolato i 14 Ragazzi schierati da quel grande uomo, prima ancora che preparato allenatore, che si chiama Rino Gattuso. Senza quel sesquipedale errore del giudice di porta, avallato dall'arbitro svedese, forse ora potremmo parlare di Miracolo a Londra.

Comunque è un piacere vedere giocare la squadra, che sa unire concentrazione,determinazione e buona qualità. Peccato per l'errore di Donnarumma, che, già nel primo tempo, aveva graffiato la palla rischiando la beffa, arrivata poi nell ripresa. Era stato fra i migliori in campo. Purtroppo e'diventato protagonista di una saga infinita, che né Gigio né la società né soprattutto i tifosi meritano di vivere, perché il destino di Donnarumma avrebbe dovuto legarsi ai prossimi venti anni della vita rossonera.

Senza dubbi, discussioni e polemiche. Crescesse la continuità e il rendimento delle punte centrali, pioverebbero ormai non piu' sorprendenti soddisfazioni in questo finale di stagioni. Interessante anche lo schema a due punte, ma preferibile a partita in corso, perché sarebbe forse deleterio sacrificare Bonaventura e Calhanoglu , i garanti del ritrovato equilibrio.

La eliminazione in Europa League consente ora al Milan di concentrarsi sul campionato, a partire dal match contro il Chievo. Facile con il rischio di sottovalutare l'impegno? Con Gattuso sono convinto che ogni partita venga preparata sempre con la necessaria  feroce determinazione. Le tribune saranno colorate di rossonero, i cori si leveranno alti. Questo Milan piace e diverte, questo Milan fa innamorare, questo Milan merita l'affetto dei grandi tifosi rossoneri, che finalmente sorridono, fieri e orgogliosi dei loro Ragazzi.