Impegnato nel ritiro del Belgio, Dires Mertens ha parlato ai giornalisti del suo Paese del suo momento magico: "Sono molto felice di continuare a segnare, ma molto dipende dal nostro modo di giocare e dagli schemi che abbiamo. Faccio l'attaccante centrale perché abbiamo continuato a credere in questo progetto, l'anno scorso ho giocato una quarantina di partite da prima punta, sento di essere cambiato come giocatore. L'infortunio di Milik? È dura per lui soprattutto dal punto di vista mentale, aveva lavorato tanto e duramente per rientrare. 

TRA LUKAKU E MARADONA - "Giocare al posto di Lukaku? Per me non c'è problema, ma ci sono tanti altri giocatori che possono ricoprire quel ruolo, io mi metto a disposizione del mister. È un periodo molto intenso, giochiamo ogni tre giorni e Martinez è preoccupato anche perché ci sono già alcuni giocatori infortunati. Però io ho lavorato duramente per essere convocato e sono concentrato sulla nazionale, non sono stanco, sto bene e voglio continuare a giocare e a godermi questo momento. Il pallonetto alla Lazio come quello di Maradona? Un paragone che mi onora e mi diverte, ma resto con i piedi per terra, devo solo vivere questo bel momento nella speranza che duri il più a lungo possibile".