Il Napoli è una delle poche squadre ad avere le 'gerarchie' pronte ancor prima di fare gli acquisti. Che Mazzarri sia molto determinato e costante nelle scelte si sa, ma la società azzurra non lascia spazio ad equivoci. Serve un attaccante, ma al di là dei requisiti tecnici e tattici deve avere una sola caratteristica: accettare di fare la panchina, anche tutto l'anno. Insomma, un emulo di Lucarelli, che al di là dell'infortunio è rimasto buono buono seduto in disparte, accontentandosi dei pochissimi sprazzi di gara che Mazzarri gli ha concesso (la gara con la Juventus aveva l'importanza di un'amichevole). E quindi, il direttore sportivo Bigon bussa alle porte delle società e dei calciatori mettendo le mani avanti: 'Vieni al Napoli? Ok, ma devi fare la panchina'.

Una cosa inconsueta, in quanto di solito le gerarchie si fanno sul campo e durante gli allenamenti. Come pretendere di attirare un attaccante di spessore facendogli capire che non ci sono speranze di giocare titolare? E' vero che Trezeguet dice di voler venire al Napoli, anche di corsa, ma ovviamente a patto di giocare. E Mazzarri lo sa benissimo: lui che è radicale nelle sue scelte, non vuole grane negli spogliatoi, con giocatori che si lamentano perché giocano poco. Ecco dunque che il requisito fondamentale è: prendere un giocatore che non faccia problemi. Di conseguenza vanno esclusi a prescindere Trezeguet, Iaquinta, Bianchi e Amauri.

Era stato preso Matavz, che non avrebbe fiatato, ma non piace al tecnico. L'ultimo nome è quello di Maxi Lopez, ma anche lui difficilmente accetterebbe la condizione di panchinaro ufficiale di Cavani o Lavezzi. Forse Floccari, chissà, potrebbe accettare. Anche perché nessuno di questi giocatori può, ovviamente, sostituire il forse partente Hamsik. Un Napoli tutto particolare, quindi, che tra gli assurdi diritti d'immagine e questi particolari (e malcelati) paletti, costringe i futuri acquisti ad accettare delle condizioni molto particolari. Per carità, la sincerità e la chiarezza sono fondamentali, però se certe firme faticano ad arrivare qualcosa vorrà dire...