Sembra Neymar, ma non gioca nel Barcellona... bensì nell'Ajax. E' la storia di David Neres, talento del calcio brasiliano pescato dai lancieri di Amsterdam a San Paolo e che con la sua rete ha appena deciso il Klassieker, il Classico d'Olanda, contro il Feyenoord. Al 36' sbuca sul secondo palo facendo saltare in piedi l'Amsterdam ArenA: il suo primo gol con la maglia biancorossa prende un sapore veramente speciale, decisivo e necessario per rilanciare la lotta al titolo. Una gioia costata all'Ajax circa 12 milioni di euro più tre di bonus, l'investimento più oneroso della storia per quanto riguarda i trasferimenti da un campionato straniero: il classe 1997 è già nella storia del calcio olandese, oltre che in quella del San Paolo, visto che per incasso dalle cessioni si è posizionato dietro solo a Denilson (32 milioni nel 1998) e Lucas Moura (43 nel 2013). 

ANCORA UNA VOLTA - Ancora una volta il suo primo gol arriva alla prima gara da titolare. Un precedente che si ripete: dopo Sao Paolo, l'Ajax, sempre alla prima da titolare. Ha conquistato subito l'interesse di mezza Europa, nonostante le sole 8 presenze nel Brasileirao che però gli hanno fruttato ben 3 gol. L'Ajax non ha aspettato l'estate, bruciando all'ultimo giorno Chelsea e Arsenal, a cui è stato di fatto strappato dalle mani. Mancino rapido e brevilineo, giocatore di un metro e 75, dotato di grande velocità, fantasia e dribbling con poderose sterzate, è per parola di Marc Overmars - uno che del ruolo di esterno si intende particolarmente - uno dei giocatori più promettenti del calcio sudamericano. Esterno mancino che ama giocare a destra per accentrarsi, un profilo alla Neymar ma che si diletta sulla fascia opposta. L'Ajax si è assicurata un futuro campione, un talento che sboccia ufficialmente oggi, nel miglior modo possibile. David Neres, nel segno di Neymar e con la maglia numero 7 di Suarez, pronto a conquistare l'Olanda e destinato a far gola a tutti i grandi club d'Europa.