Un bizzarro replay ha avuto luogo ieri sera in Coppa d’Olanda, dove i club dilettantistici Fc Lisse e Hoek hanno dovuto ripetere i calci di rigore a 21 giorni di distanza dalla prima serie di penalty. Tutto è nato da un errore dell’arbitro, che durante l’incontro dello scorso 20 settembre, terminato 2-2 (la coppa olandese è strutturata come la FA Cup), ha fatto battere i tiri dal dischetto secondo la modalità sperimentale ABBA, che non prevede più l’alternanza automatica dal dischetto delle squadre. Una scelta non gradita dalla Federcalcio olandese, che ha disposto la ripetizione del match. L’Fc Lisse, squadra vincitrice, ha però fatto ricorso per difendere il successo ottenuto sul campo e i 15mila euro previsti per il passaggio del turno, dove li attendeva l’Heracles Almelo (con ulteriori prospettive di incasso). Da qui la decisione del giudice: non doveva essere ripetuto l’intero incontro, ma solo i rigori. L’Hoek ha così dovuto sorbirsi 200 chilometri di viaggio per 5 tiri dagli 11 metri. Che tuttavia hanno premiato proprio la formazione di Demanet, che ha battuto l’Fc Lisse per 5-6 con penalty decisivo di Vandepitte.