Il mondo del calcio lo conosciamo, a tratti è spietato. In casa Palermo (dunque, in casa Zamparini) lo è ancora di più. Anche in una stagione dove non erano bastate sette sconfitte di fila - record storico, in negativo - per silurare l’allenatore di turno. A fare traboccare il vaso è stata un’altra partita di Coppa Italia: esattamente dodici mesi dopo l’eliminazione per mano dell’Alessandria (2 dicembre 2015) quando ad essere ‘esonerati’ furono alcuni componenti della squadra allora allenata da Ballardini, è De Zerbi a fare le spese. Reo di “non avere schierato - secondo il patron friulano - la migliore formazione, mancando di rispetto alla città di Palermo”.

Non sappiamo se, visto l’imminente impegno di campionato, De Zerbi abbia fatto la scelta giusta. Quel che sappiamo, però, è che l’ormai ex allenatore rosa un po’ di smalto (e, forse, entusiasmo) nelle ultime settimane lo aveva perso. Il gruppo, vera arma in più quando la caratura tecnica non è di quelle da ricordare, non sembrava più compatto come all’inizio della sua gestione. Una ‘fotografia’ arriva a margine dei supplementari della sfida allo Spezia: da una parte tutti i convocati racchiusi in cerchio, per cercare di caricarsi al meglio (Spezia), dall’altra diversi giocatori sparsi con una maglia rosa sulle spalle (Palermo). Un’istantanea che, senza didascalia, aveva già comunicato più di mille parole.

A proposito di comunicato, quello rosanero è arrivato alle ore 21 di mercoledì. Stringato come non mai: “Valutata la situazione della Prima Squadra, la Società si sente costretta al cambiamento della guida tecnica che viene affidata ad Eugenio Corini”. Già arrivato in città e già pronto a dirigere il suo primo allenamento: “Sono felicissimo di essere tornato, è un compito arduo - ha spiegato ai cronisti presenti all’Aeroporto Falcone e Borsellino - ma se ritroviamo compattezza tutti insieme, compresi i nostri tifosi, possiamo raggiungere questo obiettivo”. E, aggiungiamo noi, compresa la società: serviranno rinforzi a gennaio, per dare al ‘Genio’ Corini la forza di sfregare la lampada di Viale del Fante. L'argenteria può riprendere valore, basta togliere la polvere...