Nella notte il pareggio contro la Nuova Zelanda, ora la conferma della positività di Paolo Guerrero. Il Perù non sorride, visto che il suo capitano è risultato positivo anche alle controanalisi, che hanno confermato la sua positività alla Benzoilecgonina, principale metabolita della cocaina. 

Positivo al controllo antidoping del 5 ottobre dopo il match con l'Argentina, l'attaccante peruivano rischia una squalifica di ben due anni. Il 30 novembre a Zurigo ci sarà il processo per l'ex Bayern Monaco.