Dopo l'anticipo di venerdì, le gare di ieri e la supersfida del pomeriggio tra Chelsea e Arsenal, è terminata alle 17 la quinta giornata di Premier League, con il match dell'Old Trafford tra Manchester United ed Everton: i Red Devils di Mourinho vincono 4-0 grazie a Valencia, Mkhitaryan, all'ex Lukaku (quinto gol in Premier, è capocannoniere) e Martial e salgono al primo posto in classifica a quota 13 punti.  E' stato però senza dubbio il match di Wayne Rooney, che è tornato per la prima volta da ex in quella che per 13 anni, 393 partite e 183 gol è stata la sua casa: il pubblico gli ha tributato una standing ovation emozionante al momento della sua uscita dal terreno di gioco, un applauso da brividi, e anche Josè Mourinho, artefice della sua dipartita da Manchester, gli ha stretto la mano. E' stata anche la gara di Romelu Lukaku, ex dei Toffees, sempre decisivo in questo inizio di stagione dei Red Devils. Mourinho, dopo il pari di Stoke-on-Trent, trova i tre punti per rimanere in testa alla classifica, appaiato al Manchester City di Guardiola, mentre Koeman non trova una risposta positiva dai suoi, dopo due sconfitte e un pareggio in campionato e la brutta battuta d'arresto di Reggio Emilia, in Europa League contro l'Atalanta.