Occhio al VAR! Il nuovo sistema video di assistenza alle decisioni arbitrali sarà anche in molti casi, non lo mettiamo in dubbio, ma in alcuni casi rischia di generare 'mostri'. Lo abbiamo visto in Olanda, in occasione della Supercoppa fra Feyenoord e Vitesse del 5 agosto, ma quello che è successo questa notte negli Stati Uniti ha dell'incredibile. Espulso per "Condotta violenta": è toccato a Kaká, espulso al 97' della sfida tra New York Red Bulls e Orlando per aver messo le mani in faccia a Collin, ex compagno di squadra del brasiliano in Florida. Un episodio che sta scatenando parecchie polemiche negli Stati Uniti: al termine di una rissa, si cerca di mettere pace e Kakà prende il viso di Collin tra le mani. E evidente a chiunque abbia buon senso che i due - molto amici, fra l'altro  - ridono e scherzano, tanto che la cosa finisce lì. Il guardalinee segnala però l'episodio all'arbitro, che riguarda la scena al monitor e tira fuori il cartellino rosso. A nulla valgono le proteste sia di Kakà sia dello stesso Collin. "Era uno scherzo", dicono i due, attoniti.