La strategia di Monchi è abbastanza chiara. Se fosse per lui, non avrebbe dubbi e prenderebbe Emery. Ne ha parlato proprio con Baldini che segue da anni l’attuale allenatore del Psg. Il ds vorrebbe andare sul sicuro nella sua prima esperienza lontano da casa. Ecco perché preferirebbe interagire con chi conosce bene. Come persona e come uomo di campo.

Monchi non deve certo scoprire i gusti di Emery dopo i 3 anni passati insieme a Siviglia. Sa, insomma, quali giocatori deve proporgli e soprattutto quali prendergli. Nelle ultime ore, nonostante il Psg sia salito in vetta alla Ligue 1 (stessi punti del Monaco che però ha una gara da recuperare), il ds ha ricevuto da Parigi la conferma di quanto va ripetendo alla Roma da qualche settimana: la società francese non sembra orientata ad insistere con lo spagnolo. Nemmeno se vincesse il titolo. Il Psg - scrive Il Messaggero - avrebbe già riallacciato i contatti con Wenger e sondato Mancini. In caso di esonero, colpa della remuntada subita al Camp Nou negli ottavi di Champions, Emery potrebbe firmare il triennale.