Alessandro Florenzi, esterno offensivo della Roma, parla a Premium Sport dopo la vittoria sul Verona: "Ero molto emozionato per il mio ritorno in campo: ho cercato di fare tutto al meglio, di sacrificarmi per la squadra. Volevo, attraverso questa prestazione, far pensare alla gente che mi ero solo preso un periodo di riposo. Gli infortuni sono stati difficili da digerire, mi hanno insegnato il sacrificio e ora vorrei fare un grande in bocca al lupo ad Andrea Conti. Mia moglie e mia figlia sono le persone che vorrei ringraziare, mi sono state vicine. Stasera era importante vincere perché siamo la Roma, al di là delle polemiche. Quelle restano fuori dal campo, lì ci andiamo noi e dobbiamo solo pensare a giocare a pallone. Io mi metto a disposizione del mister, cercherò di metterlo in difficoltà in qualsiasi ruolo lui voglia utilizzarmi. Abbiamo la possibilità di stare in alto, ma dobbiamo pensare che ogni partita sia una finale: il gruppo è solido, i giocatori sono bravi, quindi non dobbiamo porci limiti. Ora, uno degli obiettivi, è il ritorno in Nazionale, ma questo ritorno passerà dalle mie prestazioni con il club".