La clausola esiste in tutti i casi di cessione (anche prestito di carattere temporaneo) ma non in caso di risoluzione del contratto per giusta causa. È quel che chiede la Sampdoria al collegio arbitrale della Lega Calcio, appunto. Per evitare di arrivare a questo pronunciamento resta dunque una sola possibilità: cercare di convincere il Real Madrid a rinunciare ai cinque milioni di euro.

Una strada non ancora percorsa ma che potrebbe essere percorribile. Per una società, pur ricca come quella madridista, non è semplice rinunciare a cinque milioni di euro, ma il Real conosce benissimo la situazione Cassano e non dubita della buona fede della Sampdoria. Nel senso che sa perfettamente che il club blucerchiato non intende lucrare. Esattamente come il Real, la situazione l'ha subita.

(Il Secolo XIX)