Abbiamo imparato a conoscerle, in alcuni casi a temerle: parliamo ovviamente delle clausole rescissorie, uno strumento che per la Sampdoria è venuto prepotentemente alla ribalta ultimamente. Basti pensare al caso Schick, o a quello di Muriel, e prima ancora a Roberto Soriano. Negli ultimi anni sono stati tanti gli esempi di giocatori 'liberati' dal club in virtù della clausola.

La Samp, nelle campagne acquisti recenti, ha fatto gran uso di questo strumento. Una clausola, ad esempio, era stata posta due estati fa anche su Dennis Praet, strappato alla concorrenza europea per oltre 10 milioni: per portarlo via dalla Samp ora ne servono 25, cifra che il Newcastle in estate aveva quasi sfiorato pur di consegnare il belga a Benitez. La Samp ha resistito all'assalto inglese, l'esito è sotto gli occhi di tutti.
 
L'edizione odierna de La Gazzetta dello Sport si è concentrata ad analizzare la situazione clausole in Serie A. E, tra Belotti e Icardi, il quotidiano ha 'sfiorato' anche la Samp, rivelando la presenza di una clausola non molto nota ai più. Parliamo di quella che penderebbe sul capo di Lucas Torreira, gioiellino blucerchiato che sta incantando tutti, confermandosi come uno dei migliori registi in Italia dopo l'esplosione dello scorso campionato. Torreira già a gennaio scorso sembrava sul piede di partenza, anche a causa del braccio di ferro tra la Samp e il suo agente. L'uruguaiano veniva dato come sicuro partente anche in estate ma, alla fine, il giocatore è rimasto in blucerchiato.

Non solo, Torreira ha pure rinnovato il suo accordo con Corte Lambruschini. E' stata una notizia che ovviamente ha fatto la felicità i tifosi doriani ma attenzione: nel nuovo contratto, secondo La Gazzetta, sarebbe presente anche una clausola rescissoria. Fissata, come da prassi per la Sampdoria, a 25 milioni di euro. Cifra che potrebbe ingolosire le pretendenti (che di certo non mancano. Torreira ad esempio piace da impazzire alle milanesi, in particolare all'Inter, ma anche alle romane. In particolare la Roma potrebbe far leva sull'ottimo rapporto che il suo direttore Monchi ha con l'agente di Torreira, Betancur. Senza scordarsi del lungo corteggiamento portato avanti ormai da tempo dal Siviglia.