A mettere in fila tutte le società che tra gennaio e giugno sono state accostate a Luis Muriel non si finirebbe più. Per l'attaccante della Sampdoria si è parlato di Chelsea, Atletico Madrid, Siviglia, poi Valencia, Arsenal, Tottenham, Zenit e chi più ne ha più ne metta. E in Italia? Ovviamente Juve, Milan, Inter, Roma, Lazio e Fiorentina. In sostanza, tutte le principali società lo avrebbero cercato. Secondo Il Secolo XIX però la realtà sarebbe un po' diversa.

Stando al quotidiano e allo stesso Muriel, per il momento proposte concrete alla Sampdoria non ne sarebbero arrivate. Nè da parte dei club esteri, nè da parte delle squadre italiane. A Corte Lambruschini non risultano nemmeno le due offerte di Roma e Lazio circolate nei giorni scorsi, per quanto nella capitale restino convinti della veridicità delle voci. Il colombiano è in uscita dalla Sampdoria, che non vuole svenderlo bensì ottenere dalla sua cessione un buon incasso in grado di portare una plusvalenza corposa nelle casse societarie. Sempre secondo il giornale genovese però la Samp potrebbe accontentarsi di 17-18 milioni, poichè Muriel ha disputato una stagione buona ma non eccezionale, conclusa anzitempo dall'infortunio. Anche l'Inter è stata accostata al calciatore. E in realtà nell'incontro .tra l'avvocato Romei e Ausilio che si è svolto la settimana scorsa il nome del centravanti doriano sarebbe effettivamente circolato. Non è chiaro però se sia stato Romei a proporlo ad Ausilio, o viceversa.

Muriel nel frattempo è tornato a casa in Colombia per godersi le vacanze dopo i due impegni con la Nazionale. All'aeroporto, sollecitato dai giornalisti locali, ha rilasciato alcune battute sul suo futuro: "Finora il mio procuratore non mi ha chiamato" ha detto il numero 9 blucerchiato. "Se e quando ci sarà qualcosa di concreto, me lo farà sapere". Ulteriore riprova del fatto che il futuro di Muriel è ancora tutto da scrivere.