0-0 al Ferraris tra Genoa e Napoli non privo di episodi arbitrali che hanno mandato su tutte furie gli azzurri: dubbia la trattenuta di Orban su Milik, solare il rigore negato al Napoli nel primo tempo per fallo di mano di Ocampos in area rossoblu. Maurizio Sarri si è presentato ai microfoni di Premium Sport al termine del match e ha criticato senza mezzi termini l'operato dell'arbitro Damato: "Partita bella e godibile dal punto di vista estetico ma qualche errore ci ha penalizzato. Dispiace sia l'allenatore a parlare perché non voglio passare per quello che si lamenta ,dovrebbe essere la società a intervenire. Già a Pescara erano successe cose stranissime, non si vede quasi mai un rigore assegnato e poi tolto. Nel calcio sbagliano tutti, ma se sbagliano gli allenatori vanno a casa. C’erano due rigori per noi, poi ci doveva essere anche un’espulsione per un fallo da ultimo uomo e ci hanno dato il vantaggio. Era una chiara occasione da gol. Poi c’è stato l’episodio di Milik. Non dovrei essere io a parlare, dovrebbe essere la società: chiederò al presidente di intervenire, come e quando lo deciderà a lui. Noi non abbiamo obblighi. Siamo il quinto monte stipendi in Serie A, siamo il quinto fatturato. Abbiamo l'obbligo di arrivare quinti. Non siamo gli antagonisti della Juventus, siamo giovani e dobbiamo crescere".