Quali saranno gli effetti di una sosta Nazionale immediatamente successiva a una batosta? Lo scopriremo soltanto domenica al Mapei Stadium, quando il Sassuolo, ancora reduce dal disastroso 6-1 di Roma, affronterà il Chievo Verona per l'8^ giornata di campionato.

In realtà una conseguenza spiacevole è già arrivata, tanto che siamo costretti ad aggiungere un cerotto alla rosa: Claud Adjapong si è infortunato con l' Under 21 (lesione miotendinea del bicipite femorale della coscia destra). Un vero peccato, visto che il laterale classe '98 era stato una delle novità più positive dal cambio di modulo in poi. Col 3-5-2, due protagonisti erano saliti alla ribalta, Timo Letschert e lo stesso Claud. Bucchi li aveva giustamente valorizzati, ma ottobre glieli ha portati via quasi in un colpo solo, nel giro di due settimane. Il centrale difensivo, infortunatosi contro la Lazio, è stato già operato al crociato del ginocchio sinistro venerdì 6, mentre per Adjapong il rientro verrà valutato nei prossimi giorni. Di sicuro mancherà anche lui nella difficile sfida contro il Chievo.

Questa situazione, chiaramente, potrebbe comportare delle modifiche nel sistema di gioco: si tornerà di nuovo a una difesa a quattro (con Peluso incerto o un Gazzola adattato a sinistra), o si manterrà la linea a tre, a costo di rischiare Rogerio sulla sinistra? Occorrerà in quest'ultimo caso forzare Peluso da centrale laterale o addirittura Gazzola, dato che Goldaniga si allena ancora a parte. Ma Bucchi con una scelta del genere rischia grosso, specialmente se Peluso sarà a disposizione.

Inutile dire quanto il periodo che si va ad affrontare da questa domenica alla sosta di novembre sia fondamentale. Prima il Chievo, poi di seguito altre due dirette concorrenti, la SPAL in trasferta e l'Udinese in casa, fino alle big Napoli (a Napoli!) e Milan (il 5/11, in casa). Dopo la sosta novembrina, verranno poi le partite da ammazzare sul nascere: il 19/11 a Benevento e il 25/11 al Mapei contro il Verona. In questo mini programma ci sono in ballo tanti punti pesanti, 21 in tutto. Dando per scontate le sconfitte con Napoli e Milan (cosa che naturalmente non andrebbe fatta, e naturalmente non verrà fatta dai ragazzi), resta a disposizione un bottino potenziale di 15 punti, da sottrarre alle squadre di pari livello sopra elencate. Peccato ci si arrivi un po' così, sculacciati dalla Lazio e incerottati.