Domenica sera, alle 20.45, parte il campionato del Sassuolo. Al Mapei Stadium arriva il Genoa di Juric, squadra decisamente abbordabile per gli uomini di Bucchi. Soprattutto nella situazione precaria in cui versa il Grifone ora, a pochi giorni dal trasferimento del Cholito Simeone alla Fiorentina, e con un passaggio di proprietà alle porte (secondo certi rumors, la settimana prossima sarebbe quella decisiva..).

Inoltre dei nuovi acquisti importanti rossoblù, soltanto Bertolacci, tornato all'ovile dopo la parentesi milanese, sembra in lizza per una maglia da titolare. Lapadula e Centurion, i colpi veri dell'attacco genoano, resteranno fuori. Davanti, occhio comunque ai sostituti: al gigante bulgaro Galabinov, che la scorsa stagione ha segnato 12 gol a Novara, e all'esterno sinistro serbo Nikola Ninkovic, messosi in mostra con un gol nell' amichevole precampionato contro il Nantes di Ranieri. Poi ci sarebbe il solito Pandev, a cui badare, e il sinistro velenoso di Veloso, regista della squadra, senza però tralasciare le ali Laxalt e Lazovic. Dietro, invece, i problemi. Recupero di Perin a parte, la retroguardia rossoblù potrebbe soffrire molto il tridente di Bucchi, che del resto è in grado di mettere in difficoltà chiunque, quando Berardi è in forma.

Un altro aspetto positivo in vista del match, stavolta sponda Sassuolo, gli zero gol subiti nelle ultime due partite disputate. Sia contro la Cremonese in amichevole, sia contro lo Spezia, in Coppa Italia. Un fatto, questo, sottolineato dallo stesso Bucchi in settimana, Bucchi che continua a battere il chiodo su un concetto imprescindibile: la solidità. A dire il vero il primo tempo contro gli aquilotti di Gallo si è fatto apprezzare non solo per questo, ma anche per il bel gioco espresso da Magnanelli e compagni (molto positivi Sensi e Missiroli, in crescita Lirola). Insomma, assieme alla miglior condizione, cominciano a vedersi trame interessanti. E' apprezzabile poi l'energia fresca con cui Bucchi affronta la partita. La sua voce sa farsi sentire nei momenti delicati: dopo il 2-0, su ogni calcio piazzato dava indicazioni, preoccupato che la squadra potesse abbassare il livello d'attenzione. E così infatti non è stato.

Ma ora non si scherza più, bando alle amichevoli e alle formazioni di Serie B: è il momento di iniziare il campionato, e di iniziarlo bene contro una squadra da far punti, perché le prossime tre partite saranno una più difficile dell'altra. Nell'ordine, dopo il Genoa, viene il Torino, l'Atalanta e la Juventus..