Dybala più di Messi e di Neymar? Sì e questa volta non c'è alcuna discussione necessaria perchè non si parla di calcio giocato bensì della vendita delle magliette ufficiali dei club. E no, la Joya della Juventus non batte i due fenomeni di Barcellona e Paris Saint Germain per numero di copie vendute, bensì per una classifica più particolare e che, sfortunatamente fa storcere il naso a molti tifosi: quello del costo di vendita dei kit gara.

LA SERIE A FRA LE PIU' CARE - Secondo uno studio realizzato dall'agenzia di ticketing Ticketgum.com e che considera i fissi per le divise ufficiali da gioco 2017/2018 dei primi 12 club di Bundesliga, Liga, Ligue 1, Premier League e Serie A è proprio il massimo campionato italiano a rivendere al prezzo medio più alto le proprie casacche (insieme al campionato francese). Per acquistare una maglia di una squadra di Serie A un tifoso spende in media 81,6€, in Francia 81,7, in Germania 77,6€, poi in Liga 72€ e infine in Premier dove la media si abbassa ad appena 60,9€.

JUVE, CHE PREZZI! - Il dato è ancor più importante se si analizzano i club di vertice dove la maglia di Hamsik o Insigne del Napoli viene venduta a circa 20 euro in più rispetto a quella di Aguero del Manchester City. Oppure c'è la 10 del già citato Dybala che parte da 90€ e oltre a pareggiare con i 90€ della 10 di Robben del Bayern Monaco sorpassa di 5 euro quella di Neymar (che ha venduto 10mila magliette soltanto il giorno del suo approdo al PSG) e di 22 euro quella del bomber del Manchester United, Romelu Lukaku.

QUANTITA' O TARIFFE ALTE? - La differenza sostanziale fra le scelte di marketing sta di fatto nei numeri. La Premier League ha scelto di puntare sulla quantità, abbassando i prezzi rispetto alle altre leghe. Una scelta non lontana da quella fatta da Real Madrid e Barcellona (la cui divisa costa circa 73€). La più cara? Quella del Monaco che nella città del lusso arriva a toccare i 95€ di base. E i tifosi? Pagano, ma non sono soddisfatti.