Non poteva essere più dolce il ritorno a Siena per Antonio Conte, che nella città del Palio non fa sconti e si lancia in testa alla classifica. Basta, si fa per dire, un gol di Alessandro Matri, ad inizio ripresa per spezzare la fiera resistenza del Siena, che specie nel primo tempo aveva davvero impressionato per gioco e compattezza. La banda di Sannino infatti per tutti i primi 45' costringe i blasonati ospiti a girare a largo dalla porta. Corsa ed aggressività infatti impediscono ai quattro attaccanti torinesi di spiccare il volo. Padroni di casa che però non si fanno pregare quando c'è da attaccare. Mannini prima e Calaiò poi non sono precisi nel momenti decisivo. Poi, come detto, nella ripresa il copione cambia: Juve più pronta e che trova il gol del vantaggio con una ripartenza, sfruttando il mal posizionamento del Siena. Pepe cambia gioco per Giaccherini, che stoppa e serve Vucinic. Il montenegrino è bravissimo e fare secco il primo difensore che lo contrasta e a liberare Matri per la più facile delle occasioni. Piattone del numero 32 e tre punti in archivio. La reazione del Siena infatti è più di nervi che di gioco, e - traversa di Calaiò (pescato però in dubbio fuorigioco) a parte - non riesce a creare pericoli alla porta di Buffon. Vidal in contropiede si mangia il raddoppio sparando alle stelle da buona posizione. Finisce tra gli applausi di tutto lo stadio. Alla Juve i tre punti, al Siena i complimenti. Che però di punti non ne portano neanche uno.

SIENA

L'allenatore del Siena, Giuseppe Sannino: 'Gli elogi? Quello che dice Conte fa piacere, ma noi dobbiamo solo pensare di fare punti. Non dobbiamo mai perdere l'equilibrio in campo: oggi in certi momenti l'abbiamo perso e contro squadre come la Juventus le disattenzioni si pagano. Sul gol qualcosa abbiamo sbagliato ma credo che adesso a mente fredda sia troppo facile. Non posso dire niente ai miei giocatori, che hanno cercato sempre di fare la partita giusta. Rimane la prestazione, ma con essa anche il rammarico di aver concesso un gol in una situazione in cui poteva fare meglio'.

Il centrocampista del Siena, Gaetano D’Agostino: 'Peccato per la sconfitta dopo il primo tempo davvero buono. Dobbiamo migliorare in attacco, ma non è certo colpa delle punte, anzi, dobbiamo seguirle e accompagnare di più l'azione. A Roma giovedì andremo a giocare la partita, contro una grande squadra ma con grande voglia. La coppia con Gazzi? Mi trovo bene con Alessandro ma non solo. Nel mezzo siamo tanti e ci sarà spazio per tutti'.

JUVENTUS  

L'allenatore della Juventus, Antonio Conte: 'Sono contento per l'interpretazione data alla gara. Sapevamo di trovare una squadra tatticamente ordinata, che cura sempre la fase difensiva, in modo giusto visto che si deve salvare. Siamo stati bravi a trovare il gol rischiando pochissimo. Bravi a limitare un giocatore che conosco bene, che ha fatto le fortune del Novara come Gonzalez. Se la gente si aspetta che ogni partita ci siano valanghe di gol, sbaglia. In questi campi occorre provincializzarsi , altrimenti gli avversari ti mangiano'.

L'attaccante della Juventus, Alessandro Matri: 'Un cambio di gioco di Pepe su Giaccherini, bravissimo Vucinic a smarcarsi e a mettermi in condizioni di segnare. Obiettivo doppia cifra? Non mi pongo nessun limite. Penso solo a fare bene per la squadra e adesso mi godo questa rete con i miei compagni. Il Siena? Mi è sembrata una buona squadra, che ci ha reso la vita difficile. Noi siamo stati bravi a capitalizzare la situazione più favorevole e a portare a casa tre punti importanti'.