Luciano Spalletti, dopo la vittoria contro il Betis, ha parlato ai microfoni di Sky Sport:

SULLA PARTITA - "Bicchiere mezzo pieno? Non so fare certe considerazioni, passo attraverso quello che è il lavoro dei calciatori. Un lavoro fatto di qualità. Buona prestazione questa sera, abbiamo sbagliato qualche palla di troppo nel secondo tempo. Ma loro sono una buona squadra che sa giocare a pallone e noi abbiamo fatto bene, concedendo qualcosa ma creando anche".

SU DALBERT - " Un ragazzo giovane, voleva strabiliare subito. Voleva subito mettersi in mostra e ha forzato qualche giocata di troppa perdendo tranquillità. Ma ha tenuto bene il campo, difendendo anche bene. Dobbiamo migliorare sotto l'aspetto del palleggio, quando l'abbiamo riconquistata c'erano degli spazi che possiamo sfruttare meglio. Potevamo arrotondare un po di più il risultato".

SULLA DIFESA - " Adesso siamo corti, anche perché Ranocchia si è fatto male. Ci sarà da valutare, difficile che Murillo parta questa settimana adesso".

SU KONDOGBIA -  "E' un dispiacere, il suo comportamento non rispecchia la persona che è. Non lo riconosco in questo comportamento. Lui si è auto-penalizzato. Vuole andare in prestito al Valencia, con lo stipendio pagato da noi. Ma che richiesta è? Non si fa così. E' stato consigliato male. Un sostituto? E' un giocatore forte, per me non parte se non ci sono le condizioni. Poi valuteremo che fare. Se parte, ne metteremo dentro uno della stessa qualità. Perisic è determinato a rimanere". 

SULLA JUVE - "Rimane fortissima, al di là della partenza di Bonucci. Era nelle condizioni di dover cambiare qualcosa, anche se questo blocco di difensori era importante. Sarà comunque la squadra da battere per vincere il campionato. Noi dobbiamo ambire a giocarcela alla pari".