Leonardo Spinazzola è destinato, salvo ulteriori colpi di scena, a tornare alla Juve con un anno d'anticipo. Una storia questa che coinvolge direttamente il club bianconero ed ovviamente l'Atalanta. Ma che per sbloccarsi ha avuto bisogno non soltanto degli ottimi rapporti sull'asse Torino-Bergamo. Anche di quelli con il Genoa, toccando appena più in là anche Fiorentina e Toro. In un turbinio di mercato che ha reso quella che sulla carta poteva sembrare il nodo più facile da sciogliere per l'estate juventina in quella, in realtà una delle trattative più complicate. 

VERSO LA JUVE - L'assenza tra i convocati in vista dell'amichevole di Valencia, fa seguito a quella dagli ultimi due allenamenti di Spinazzola con l'Atalanta. Segnale ulteriore di come il giocatore stia a sua volta spingendo verso il passaggio in bianconero, nonostante le resistenze del tecnico Gasperini. È stato proprio l'allenatore a mettersi di mezzo negli ultimi due mesi, non volendo cedere prima del tempo l'ennesimo giocatore che sotto la sua gestione ha saputo raggiungere la maturità. L'accordo tra club, nel frattempo e in attesa di una possibile multa al giocatore, è stato raggiunto negli scorsi giorni: all'Atalanta oltre alla promessa di lasciare Caldara fino al 2018 (affare da quasi 25 milioni per la Dea) e al nuovo prestito biennale di Orsolini (che era già stato promesso al Bolgona), anche oltre 4 milioni di premio di valorizzazione che rappresentavano il massimo dell'accordo nel caso di raggiungimento di vari obiettivi ancora da ottenere nella prossima stagione. L'ultimo tassello mancante era quello dell'erede di Spinazzola, individuato in Laxalt

FATTORE JUVE - C'è voluto proprio l'intervento della Juve per sbloccare questa trattativa parallela. L'uruguaiano infatti, nel mirino anche di Roma, Liverpool e Newcastle, sembrava ormai ad un passo dalla Fiorentina che era arrivata ad offrire 13 milioni al Genoa: una cifra molto vicina a quella richiesta, più alta di quella presentata dall'Atalanta. Che ora con nuovo fieno in cascina e con la collaborazione della Juve, pronta a sviluppare questo nuovo affare in sinergia, è pronta a soddisfare la richiesta del Grifo da circa 15 milioni di euro. Al contempo, i bianconeri agevolando il passaggio di Rincon in tempi brevi al Toro, hanno permesso alla Fiorentina di acquistare a prezzi di saldo con una trattativa lampo Benassi che ha così tirato il freno a mano – per ora – sul fronte Laxalt. Tante piccole grandi mosse collaterali per arrivare ad un giocatore che in casa Juve si spera di poter trasformare nel nuovo Zambrotta: sia che gli lasci il posto Asamoah, sia che tocchi a lui raccogliere l'eredità di Lichtsteiner. 
 

 
GIOCA A FANTACALCIOMERCATO, il gioco più appassionante e divertente del web. Si può giocare solo su CALCIOMERCATO.COM e la partecipazione è GRATUITA. 
Basta essere registrati a Calciomercato.com e cliccare su fanta.calciomercato.com