Non è forse il caso di farsi coinvolgere dal clima di depressione generale che sin dalla disfatta in Spagna ha iniziato ad aleggiare sulla nostra Nazionale e che è probabilmente alla base della pessima prova fornita contro la Macedonia. Ma è pur vero che, se il livello massimo che il nostro calcio riesce ad esprimere oggi è questo, collezionare in Albania il punto che ci manca per accedere aritmeticamente ai playoff è tutt'altro che scontato. Un ct in confusione, una squadra tecnicamente modesta e con poca personalità e una serie di incroci sfortunati possono essere un mix letale anche qualora centrassimo l'obiettivo minimo dello spareggio di novembre.

SERVE UN PUNTO - Oltre alle nove prime di ogni girone che vanno direttamente in Russia, sono 8 le seconde che avranno la possibilità di accedere ai playoff, quelle che nei confronti con le terze, le quarte e le quinte dei rispettivi gironi avranno conquistato il maggior numero di punti. Ad oggi, l'Italia è seconda in questa speciale classifica a quota 14 punti, uno in meno del Portogallo e uno in più della coppia composta da Irlanda del Nord e Danimarca; chiude la graduatoria la Svezia con 10 punti, inseguita dalla Bosnia che è a 8 ed entrambe hanno un match in meno rispetto a noi. In vista del sorteggio di fine mese per gli spareggi, le 8 migliori seconde saranno divise a loro volta in due gruppi da 4, quello delle teste di serie e quello delle nazionali peggio piazzate ed è qui che possono arrivare i problemi maggiori.

PERICOLO FRANCIA - Il coefficente è stabilito dai risultati collezionati negli ultimi anni e che è alla base del nostro ranking Fifa (l'Italia al momento è 17esima) e oggi ci vede terzi dietro a Portogallo e Galles, che hanno rispettivamente 1386 e 1089 punti contro i nostri 1035. Ma occhio alla Polonia, che ha due risultati su tre per accedere al Mondiale da prima ma che in caso di sconfitta col Montenegro e secondo posto dietro la Danimarca ci sopravanzerebbe nel ranking, e soprattutto alla Francia, che rischia ancora di arrivare alla spalle della Svezia nel suo girone e sarebbe eventualmente un'altra minaccia per la conservazione del nostro posto fra le teste di serie. Non è il caso (ancora) di farsi prendere dal panico, ma il fantasma di non centrare il Mondiale dopo l'unico precedente del 1958 è vivo più che mai.


Ecco la classifica delle seconde a oggi:

1) PORTOGALLO, 15 punti (partite giocate: 6)
2) ITALIA, 14 punti (partite giocate: 7)
3) DANIMARCA, 13 punti (partite giocate: 7)
4) IRLANDA DEL NORD, 13 punti (partite giocate: 7)
5) SCOZIA, 11 punti (partite giocate: 7)
6) GALLES, 11 punti (partite giocate: 7)
7) CROAZIA, 11 punti (partite giocate: 7)
8) SVEZIA, 10 punti (partite giocate: 6)
9) BOSNIA, 8 punti  (partite giocate: 6)