Dopo la vittoria ottenuta in Coppa Italia il Milan non riesce a ripetersi ed esce sconfitto clamorosamente dalla trasferta del Bentegodi contro un Verona completamente trasformato. Gli uomini di Fabio Pecchia si impongono con un rotondo 3-0 senza appelli per la squadra allenata da Gennaro Gattuso al quale non riesce l’impresa di centrare la terza vittoria consecutiva che manca dal 20 settembre. Al contrario, il pesante ko complica ulteriormente la classifica che, in virtù di un solo punto conquistato contro Verona e Benevento costringe la società ad aprire una nuova fase di riflessione.
 
Il 4-3-3 disegnato da Gattuso prende le redini del gioco in avvio, ma è sterile nel possesso palla che produce poco soprattutto sugli esterni. Il Verona costringe sempre ad accentrarsi verso il raddoppio sia Suso che Borini non chi. Gli unici pericoli i rossoneri riescono quindi a crearli soltanto centralmente ma Kalinic prima calcia a lato e poi si fa stoppare da Nicolas. E allora il Verona al 24’ passa clamorosamente in vantaggio con Caracciolo che svetta di testa su angolo, colpisce la traversa e trova la deviazione in gol dello sfortunato Donnarumma. Suso ci prova dalla distanza trovando sempre i guantoni di Nicolas ma al 37’ si divora il pareggio calciando addosso a Nicolas dopo un filtrante al bacio di Borini.
 
Nella ripresa Kalinic si divora subito in apertura l’1-1 e il copione non cambia. Il Verona si chiude e prova a ripartire e proprio in contropiede trova prima il gol del 2-0 con Kean che fredda Donnarumma su assist dalla sinistra di Bessa e poi proprio con l’ex Inter che buca il portiere rossonero su assist di Romulo dalla destra. Nel finale è Bonucci ad andare due volte vicino al gol di testa e di tacco, ma il Milan rimane addirittura in 10 con Suso punito con rosso diretto grazie al Var. In casa Milan c’è di nuovo aria di crisi.