1
Tanta attesa in quel di Wall Street per le statistiche riguardanti i risultati ottenuti nell’ultimo trimestre del 2020 da parte di Netflix. Il colosso a stelle e strisce dello streaming non delude le aspettative, annunciando di aver raggiunto quota 8 milioni di abbonamenti nel solo periodo ottobre-dicembre.

Cifre astronomiche che portano il computo totale degli abbonati a 204 milioni, ben 37 in più rispetto all’anno precedente.

La pandemia ha giovato al gigante dello streaming, facendogli guadagnare ben 6,64 miliardi di dollari nel solo ultimo trimestre ed un picco di utenti iscritti, nel periodo gennaio-marzo da record, circa 16 milioni.

Grazie anche e soprattutto ai nuovi titoli di punta della piattaforma, come “The Queen’s Gambit”, passando per la quarta stagione di “The Crown” e la nuovissima “Bridgerton” che ha già conquistato il pubblico.
Un 2020 ricco di soddisfazioni ma anche di concorrenza, infatti l’anno appena trascorso ha visto l’affermarsi di diversi competitor come Peacock, HBO Max ma soprattutto Disney+, che a inizio dicembre contava oltre 86 milioni di abbonati a poco più di 12 mesi dal lancio.

“Il loro successo ci rende entusiasti di aumentare le nostre iscrizioni e il nostro budget per i contenuti” ha detto il co-amministratore delegato di Netflix Reed Hastings in un’intervista, il che vuol dire nuovi e rinnovati contenuti per il 2021 con l’obiettivo prefissato di raggiungere i 6 milioni di nuovi utenti nel primo trimestre.

Nonostante tutto però, la piattaforma ha dovuto investire e indebitarsi per circa 15 miliardi di dollari. Ma dopo i risultati ottenuti nel 2020, la società ha deciso di tappare man mano i buchi finanziari, ritenendo di non aver più bisogno di aiuti esterni, e di poter procedere in maniera autonoma. Parole che suonano come un trionfo per tutti gli azionisti di questo colosso.

Il 2021 per gli amanti dei serial televisivi si prospetta roseo e pieno di contenuti, il che è solo un bene visto e considerato che ancora per qualche tempo saremo costretti a ridurre le nostre scampagnate, in favore di qualche serata passata sul divano.