Commenta per primo

'Speriamo di vedere una Fiorentina caparbia domani, contro un Catania che sta facendo benissimo. E' difficile fare pronostici in questo torneo che di scontato non ha niente. Grandi che perdono con le piccole con questa frequenza... qualcosa di mai visto, ma non c'è più niente di cui stupirsi. Cagliari e Catania sono le vere sorprese, mentre l'Udinese come rendimento è ormai una certezza, anche in campo europeo. Ho visto invece un'involuzione del Genoa, avendo osservato dal vivo il match contro il Lecce. L'ex terzino di Lecce e Fiorentina Alberto Di Chiara fa un primo bilancio sul campionato italiano, concentrandosi in particolare sul momento dei gigliati.

'Pasqual è tornato a grandi livelli, anche se non era mai calato - ha aggiunto il 47enne romano, ospite ai microfoni di Radio Toscana -. Determinate situazioni tattiche non lo hanno mai visto protagonista, e ultimamente risultava un giocatore normale. Ora è ripartito con la sicurezza giusta, con continuità di rendimento e concentrazione. Oggi Pasqual nel suo ruolo è il giocatore più efficace. Vargas? Mi auguro la smetta con le bischerate, come spero che Montolivo, anche se non è facile vista la sua situazione, trovi la giusta serenità, e che quest'ultimi due giocatori tornino ad incidere nel rendimento della Fiorentina. Vargas e Montolivo devono stare in campo, ma sta a Mihajlovic valutarne le condizioni fisiche e psicologiche domenica dopo domenica. La società deve stare vicina al proprio tecnico, anche se nel tempo ha dimostrato certi limiti: non riesce a dare a questa squadra quel qualcosa che gli permetta di fare il salto di qualità. Da fuori si ha l'impressione che la Fiorentina più di quanto fatto fino ad oggi, non riesca a fare. Sta a Mihajlovic cercare di far cambiare rotta al suo gruppo'.