110
Per Gattuso è un titolare inamovibile, nonostante la concorrenza di Andrea Conti. Davide Calabria si sta confermando in questa stagione, vuole diventare uno dei punti fermi anche per il futuro. Le sue prestazioni hanno suscitato interesse specialmente all'estero, come confermato in esclusiva a Calciomercato.com dal suo agente Gianni Vitali. 


Vitali, anche ieri Calabria è stato tra i migliori in campi contro la Lazio. C'è un segreto dietro questa crescita, tecnica e fisica, palesata dal suo assistito nelle ultime due stagioni?
"E' sicuramente dovuta al suo atteggiamento e alla predisposizione che ha nei confronti del lavoro quotidiano. Davide è un ragazzo meticoloso, molto attento a tutte le dinamiche relative alla sua professione. Ha delle indubbie doti naturali che spesso non vengono sottolineate".

Gattuso si è detto contento del fatto che sia spesso sottovalutato, così non glielo portano via...
"Sinceramente allo stadio vedo che è osannato  dai tifosi. Il suo lavoro è molto apprezzato dall'allenatore e dalla società e questo è la cosa più importante. Davide sa che deve lavorare come tutti nonostante la considerazione sia altissima. Non c'è nessun problema rispetto all'opinione pubblica, la mia non era una polemica ma una constatazione. Come diceva lei prima, Davide sta facendo bene da almeno due anni e non da tre partite".

Quella di Mancini è una Nazionale che ha un occhio di riguardo nei confronti dei giovani: ritiene che Calabria meriti una chance?
"Sono sicuro che quando meriterà la chiamata, verrà convocato. Quando si ha un atteggiamento positivo e propositivo nei confronti della professione, le soddisfazioni arrivano di conseguenza. Davide ha solo 22 anni, quasi 80 presenze con il Milan che è una società importante. Lui spera nella chiamata, è un giocatore che la merita. Se e quando lo chiamerà di sicuro si farà trovare pronto. Alle porte ci sarà un campionato europeo under 21 fondamentale per il nostro movimento, è concentrato per fare il meglio".

Nei mesi scorsi si è parlato di diversi top club europei interessati a lui, tra le quali ci sarebbe anche il Manchester United. Può confermare?
"Di trattative vere e proprie no, ma le manifestazioni ci sono e ci sono state. Non mi sono mai seduto con nessuno, per il semplice fatto che sta benissimo dove si trova. E' giovane e gioca ad alti livelli, mi pare normale che possa interessare a squadre importanti. Il Manchester United non mi ha mai chiamato, non si è mai andato oltre qualche chiacchierata. E' difficile trovare di meglio rispetto al Milan".

Ci può svelare i nomi dei club interessati a Calabria?
"Preferisco non farli, ma posso dire che erano un paio di club inglesi e un paio spagnoli".

Crede che ci siano le basi per prolungare, a fine stagione, il suo contratto con il Milan?
"Vediamo, il discorso è semplice: sarà la società a decidere se Davide merita il rinnovo. Io credo che ci siano momenti per parlare di questo tipo di situazioni, ora non è quello giusto".

Come vive il dualismo con un altro giovane italiano come Conti?
"Credo che da quella parte il Milan è a posto. Sono due ragazzi giovani ma con storie diverse. Entrambi rappresentano un grande valore per il club, tra di loro c'è una sana competizione. Se sono la migliore coppia di terzini in Italia? Sono valutazioni che lascio fare agli altri".