1
Luca Cigarini ha giocato davvero pochissimo in questa stagione con la maglia della Sampdoria. Il centrocampista arrivato la scorsa estate dall'Atalanta era considerato il sicuro titolare del centrocampo blucerchiato, almeno sino all'esplosione di Lucas Torreira, diventato semplicemente insostituibile per mister Giampaolo.

Nonostante ciò, l'ex giocatore di Siviglia e Napoli ha accettato la panchina in maniera davvero molto professionale. Mai una parola fuori posto, mai una polemica o un segno di insofferenza. Già a gennaio, Cigarini pareva lontano dalla Sampdoria, diretto a Udine o a Palemo. Non se ne fece nulla, e in questi giorni è tornato d'attualità il suo nome per il Cagliari del patron Giulini. In particolare la Samp avrebbe inserito il suo nome all'interno di una trattativa che si dovrebbe concludere con l'approdo a Genova del giovane Murru. Una trattativa confermata dallo stesso agente di Cigarini, Giovanni Bia, che però ha anche spiegato quale sia il vero desiderio del giocatore: "Non ho sviluppi recenti, aspetto anche io una chiamata. Credo che oggi si dovessero incontrare i dirigenti delle due società, Romei e Giulini" ha detto il procuratore a Sampnews24.com. "In ogni caso Luca è combattuto, ci penserà molto molto bene prima di lasciare la Sampdoria. Sa quanto è importante questa società, e per lui andare via sarebbe tra virgolette una sconfitta, perché ha giocato pochissimo e vorrebbe dimostrare a tutti i tifosi blucerchiati chi è veramente, non il giocatore che fa tre partite l’anno".
"Non c’è ancora niente di definitivo - prosegue Bia - diciamo che il giocatore ha un po’ 'il dente avvelenato' e non andrebbe via sereno da qui: Cigarini è stato benissimo quest’anno alla Samp, a prescindere dal fatto di aver giocato o meno. Lo avevano cercato Fiorentina e Sassuolo, quindi tanto 'scarpone' non è e vorrebbe giocarsi le sue carte qua".