Commenta per primo

“Direi una bugia, se negassi l’interessamento di molti club per Stefano. La sua priorità, almeno per ora, è la Roma” si potrebbero riassumere così le dichiarazioni – rilasciate alla redazione di ForzaRoma.info

– da Claudio De Nicola, agente di Guberti, riguardo al futuro del suo assistito. Il centrocampista sardo, ritornato alla Roma che l’ha riscattato dalla Sampdoria, sembrava dovesse rientrare nel pacchetto di giocatori, con in allegato 3 milioni di euro, che la società giallorossa era pronta a girare al Bologna per avere Federico Viviano. Sennonché, causa improvvido errore nel riempire i moduli per le comproprietà, la società felsinea ha perso il giocatore, ritornato all’Inter, e la Roma si trova punto e accapo nella ricerca del portiere titolare.

 

L’ex doriano, quindi, è rimasto alla Roma, anche se la sensazione è che la sua permanenza sarà molto breve. De Nicola, però, ritiene che le cose potrebbero andare diversamente: “Non ho ancora parlato con il direttore di Stefano. Conto di avere a breve un colloquio con la dirigenza giallorossa per capire quale saà il futuro del mio assistito. Non è detto che debba per forza partire, anche perché la sua priorità è rimanere alla Roma.” A parte la voglia matta di indossare nuovamente la casacca romanista, sembra che nelle ultime ore il Torino si sia pesantemente gettato sul calciatore. La notizia, confermata nella giornata di ieri dallo stesso Guberti, viene ribadita dal suo agente: “Molte squadre hanno manifestato la voglia di acquistare Stefano e tra queste c’è la compagine granata. Mister Ventura, che ha messo Guberti in cima alla lista dei suoi desideri, lo conosce molto bene e lo stima tantissimo. Il suo gioco sarebbe perfetto per Stefano, perché punta molto sui giocatori di fascia.” L’unico ostacolo tra Guberti e il Toro potrebbe essere rappresentato dal fatto che i granata militano in B. Problema, secondo De Nicola, potrebbe non essere così insormontabile: “ovviamente, Stefano ambirebbe a restare in Serie A, visto che ormai si è affermato come giocatore per la massima categoria. Detto questo, il Torino è una società con un blasone enorme e sembra che il progetto granata sia molto ambizioso; ergo, si potrebbe anche pensare di scendere di categoria per il Toro. Ribadisco, però, che la sua priorità è Roma e la Roma.”