555
Settimo incontro a Casa Milan tra il procuratore di Suso, Alessandro Lucci, il collaboratore Serginho, un altro agente brasiliano e la dirigenza del club rossonero: in ballo il futuro dell'esterno spagnolo, non considerato intoccabile da parte della società e dal nuovo tecnico Marco Giampaolo. 

LA RICHIESTA DEL MILAN - Si tratta appunto dell'ennesimo incontro in un mese e mezzo di trattative: il club rossonero sta ascoltando le offerte della Roma ed è pronto a far partire la trattativa vera e propria, anche se per ora non si è trovata la quadratura del cerchio. Il dt del Milan Paolo Maldini e il ds Frederic Massara non chiedono più i 38 milioni della clausola, scaduta il 15 luglio, ma vogliono comunque cedere l'ex Liverpool per una cifra che oscilla tra i 30 e i 35 milioni. 

LE CONTROPARTITE OFFERTE: MALDINI DICE NO MA... - Al momento viene dunque esclusa la possibilità dell'inserimento dell'affare di una contropartita da parte della Roma, ma la situazione è in fieri e può cambiare: il club giallorosso ha offerto la possibilità di scegliere tra cinque giocatori ovvero i centrocampisti Nzonzi, Pastore e Gonalons e gli attaccanti Defrel e Schick. Il  Milan, come detto, preferisce un'offerta solo cash: ma Suso ora può davvero lasciare il Milan. 
@86_longo e @AleDigio89