43
La Fiorentina scommette sull'ennesima rinascita di Aleksandr Kokorin (foto Ansa) per uscire dalle secche di una classifica tutt'altro che rassicurante (a +5 dalla zona retrocessione) e da una crisi del gol ormai conclamata - secondo peggior attacco della Serie A alla pari del Genoa - . Una scommessa decisamente ambiziosa per quello che in pochi anni è passato dall'essere una delle maggiori promesse del calcio russo - con la maglia della Dinamo Mosca diventò il più giovane marcatore nella storia del campionato - a uno dei personaggi più discussi nell'intero panorama europeo. Colpa di un temperamento ribelle e di una serie di bravate sfociate addirittura nell'anno di carcere in compagnia dell'amico Mamaev per l'aggressione a un funzionario statale.

L'ANNUS HORRIBILIS - Storie del 2018, l'annus horribilis che ha forse definitivamente messo in archivio i sogni di gloria e la definitiva esplosione del bomber in uscita ora dallo Spartak Mosca, con un bottino di soli 2 gol in 8 partite. Dopo aver contribuito alla vittoria della Russian Premier League con lo Zenit San Pietroburgo (10 gol in 22 partite, a cui sommare i 9 in Europa League), un grave infortunio al legamento crociato del ginocchio lo priva della straordinaria possibilità di partecipare al primo Mondiale della storia sul suolo russo. E per un ragazzo, già da tempo avvezzo alle tentazioni della vita notturna e non nuovo a intemperanze di vario genere, la discesa verso gli inferi era dietro l'angolo. Da poco rientrato  in campo, nell'ottobre 2018 e lui il compagno inseparabile Mamaev, in evidente stato di alterazione da alcol, aggrediscono in un bar quello che poi si scoprì essere un funzionario statale. 

QUANTE BRAVATE - L'arresto e la condanna a un anno di reclusione sono la naturale conseguenza del comportamento decisamente al di fuori dagli schemi di Kokorin. Uno capace anche di farsi beccare nel 2014 in compagnia di due spogliarelliste nonostante fosse notoriamente fidanzato con la modella Daria Valitova o, nel 2016, di farsi pizzicare in un locale notturno di Montecarlo spendendo diverse migliaia di euro in costosissime bottiglie di champagne a pochi giorni dall'eliminazione dall'Europeo. Fino ai colpi di pistola esplosi in area durante il matrimonio di un amico - estate 2017 - con tanto di video postato su Instagram. Follie spesso alternate a gol e giocate da talento vero, uno di cui anche Fabio Capello si innamorò calcisticamente durante la sua esperienza da ct alla guida della nazionale russa. 


SCOMMESSA VIOLA - Prossimo ai 30 anni, quella della Fiorentina può essere davvero l'ultima occasione per uscire dall'ombra e dimostrare di essere l'uomo della provvidenza al quale affidarsi ad occhi chiusi. Per rompere il tabù del gol e trascinare i viola verso una tranquilla salvezza e mettere in soffitta, una volta per tutte, la nomea del bad boy.