44

Qualche palleggio con Bruno Conti sul campo della Tor Tre Teste: "Tu sei bravo". Destro, sinistro, tac, tac. Luca Pellegrini ci sapeva fare. Provino superato a pieni voti e contratto con la Roma firmato proprio il giorno del compleanno di papà Mauro (ex Primavera del Napoli). Lui che ha sempre creduto nel figlio seguendolo come un'ombra in tutto e per tutto. Aspettava le ore appoggiato a quella rete di Trigoria mentre guardava il piccolo Luca allenarsi. Altra storia mamma Monica, per la quale la scuola veniva prima di tutto: "Se prendi un'insufficienza non ti mando agli allenamenti".  

LO SCAMBIO - Ma Luca aveva in testa solo il pallone, determinazione e forza di volontà fin da piccolo. Da ieri è un nuovo giocatore della Juventus. Lo scambio con Spinazzola si è chiuso in meno di ventiquattr'ore, visite mediche e quattro anni di contratto. Nuova tappa nella carriera del terzino classe '99, protagonista fino a venti giorni fa al Mondiale Under 20 schierato interno di centrocampo dal ct Nicolato.

I DVD DEL READING - Nato esterno d'attacco, fu Roberto Muzzi ai tempi delle giovanili della Roma a spostarlo qualche metro più indietro: "Ti farò diventare il miglior terzino d'Italia". Cambia anche il modello a cui ispirarsi, da Bale a Marcelo. Tra gli italiani il punto di riferimento è Paolo Maldini. Talento da vendere, la Fiorentina aveva provato a prenderlo quando aveva 14 anni ma la Roma se l'è tenuto bello stretto dopo essere riuscita a vincere la concorrenza della Lazio. Entra nella scuderia di Mino Raiola dopo un incontro col padre in un albergo di Fiumicino. Stesso agente di Pogba e Ibrahimovic, un sogno. Iniziano ad arrivare richieste da mezza Europa, la più curiosa è sicuramente quella del Reading che si presenta a Trigoria con diversi dvd e dati di ogni tipo su Pellegrini: percentuali di passaggi, assist, presenze... tutto studiato nei minimi dettagli. Luca ringrazia ma rifiuta. Stessa risposta anche ad Az Alkmaar, Manchester City e Liverpool, con Brendan Rodgers pronto a fare di tutto per portarlo in Inghilterra. Ci aveva provato anche il Psv, che dalla Roma aveva già preso Gianluca Scamacca. 

IL RECORD - Luca non prende nemmeno in considerazione le proposte straniere, Bruno Conti se lo coccola e lo convince a rimanere in giallorosso. Sulla fascia va come un treno, è il gioiellino della Primavera di Alberto De Rossi. Predestinato. L'unico insieme a Mirko Antonucci a vincere tre finali giovanili di fila con la stessa maglia (Giovanissimi Nazionali, Allievi Nazionali e Primavera).

IL DEBUTTO IN A (CON ASSIST) - Cuore giallorosso che batte a mille, va ancora più forte nel giorno del debutto in Serie A ad ottobre scorso contro il Frosinone, con tanto di assist: cavalcata sulla fascia, fa fuori un avversario con uno scatto dei suoi e mette in mezzo per Kolarov che la butta dentro. Dopo meno di una settimana Di Francesco lo lancia anche in Champions League contro il Viktoria Plzen e Luca torna a sorridere dopo la rottura del legamento e la frattura della rotula che avevano bloccato la sua crescita. Il resto è storia recente, il prestito al Cagliari col quale ha totalizzato 12 presenze nella seconda parte della stagione scorsa e la trattativa lampo che l'ha portato alla Juventus. Pellegrini lascia la Roma e volta pagina, quel ragazzino che palleggiava con Bruno Conti è pronto a diventare grande. 

@francGuerrieri