302
Con le dovute proporzioni, a distanza di due anni c'è una situazione che si sta riproponendo in casa Juve. Due anni fa, c'era Sami Khedira in vendita e apparentemente fuori progetto, con Emre Can in rampa di lancio. Poi Maurizio Sarri ribaltò le gerarchie, bloccando Khedira che pure non aveva particolari offerte, rendendo sacrificabile Emre Can poi partito dopo mezza stagione da separato in casa. Ora c'è Max Allegri in panchina, il primo in cima alla lista dei giocatori cedibili è sempre stato Aaron Ramsey, mentre Weston McKennie appena riscattato sembrava pronto a conquistare l'allenatore per ritagliarsi un ruolo da protagonista. E ora la situazione è ribaltata. Ramsey non ha scaldato il mercato, Allegri tutto sommato crede di poterlo rigenerare. Mentre McKennie è stato bocciato o quantomeno rimandato dal tecnico bianconero, che accetterebbe di buon grado la sua cessione per arrivare a un centrocampista più adatto alla Juve che ha in testa (da Miralem Pjanic in poi). Un po' come fatto da Emre Can due anni fa, in questo momento però McKennie non pare particolarmente convinto di cambiare aria, anzi il suo entourage sembra piuttosto scontento del trattamento ricevuto in queste settimane che stan vedendo la dirigenza bianconera provare a spingere via con sempre più insistenza l'americano.
L'OFFERTA – Tra Premier e Bundesliga non mancano i club interessati, resta una valutazione di almeno 30-35 milioni che non rende particolarmente semplice la situazione. Se si valutano scambi interessanti, a tale proposito più del Bayern Monaco che cerca una soluzione per Corentin Tolisso, è il Tottenham ad alzare il forcing: McKennie è un pupillo di Paratici, sul piatto c'è Tanguy Ndombele e non soltanto. E' però un'offerta solo cash che sta stuzzicando la dirigenza bianconera: arriva dall'Aston Villa, club a cui non mancano di certo i soldi dopo la cessione di Jack Grealish e che nelle scorse settimane aveva pure compiuto qualche ragionamento proprio a proposito di Ramsey. Ma è McKennie ora l'obiettivo dell'Aston Villa, già rifiutato dall'americano un anno fa quando poi accettò senza pensarci due volte la corte della Juve. Che ora vorrebbe venderlo, pure l'Everton sta cominciando a considerare l'affondo. C'è fermento, a una settimana dal termine del mercato McKennie può davvero andare via.