18

Al termine della gara vinta contro il Palermo, l'allenatore del Milan Massimiliano Allegri è tornato a parlare del suo futuro (rimesso in discussione dai media dopo la debacle di Barcellona). Ha confermato una volta di più di essere felice in rossonero e di avere un contratto valido per un'altra stagione, ma ha chiuso con una frase sibillina: "Io sto bene al Milan, ma per andare avanti bisogna esserlo in due". Un messaggio molto chiaro rivolto soprattutto alla proprietà, nella persona di Silvio Berlusconi, che non ha mai amato il tecnico livornese e che non ha apprezzato le modalità con cui si è materializzata l'eliminazione dalla Champions League.

Ma, indirettamente, anche ad Adriano Galliani, il principale sponsor di Allegri, invitato a fare un concreto passo in avanti per dimostrare la fiducia in un progetto tecnico che preveda ancora Max sulla panchina del Diavolo. Tradotto in parole semplici, un rinnovo di contratto per almeno altri due anni con un adeguamento di contratto, in linea con gli stipendi di Antonio Conte e Walter Mazzarri. Anche perchè, smentite a parte, la corte della Roma è serrata e potrebbe essere proprio Allegri, a fine campionato, l'autore dello strappo nei confronti della società di via Turati.