188
"Milan, Inter e Napoli ci sono arrivate davanti in classifica ma non ci erano superiori. Se non abbiamo mai vinto negli scontri diretti, qualcosa ci è mancato sotto l'aspetto caratteriale o della gestione". Parole e pensieri di Massimiliano Allegri, nella sua analisi della stagione appena conclusa, che alla Juventus ha portato in dote soltanto il quarto posto valido per la qualificazione alla Champions League, davvero il minimo sindacale per i bianconeri, protagonisti di un'annata deludente. Guardando i dati statistici ufficiali del campionato di Serie A che si è concluso con la vittoria del Milan, e raffrontandoli con la parole di Allegri, ci accorgiamo che qualcosa non torna. Perché se è vero che la Juve è mancata sotto l'aspetto caratteriale (colpa dei giocatori? Dell'allenatore? Della dirigenza?) e della gestione (ci verrebbe da dire che qui c'è soprattutto la responsabilità dell'allenatore), le statistiche ci mostrano una squadra, quella bianconera, lontana non solo da Milan, Inter e Napoli, ma anche da tante altre squadre. E quindi pensare che Milan, Inter e Napoli non siano superiori potrebbe rappresentare anche una trappola mentale in chiave mercato. Perché in realtà la distanza c'è (e da due campionati, non da uno). Ma guardiamo nel dettaglio i dati che ci mostrano il gap fra la Juve e le altre...

CONTINUA A LEGGERE: I DATI DEL GAP FRA LA JUVE E LE ALTRE