Commenta per primo

L´attaccante italo-brasiliano della Juventus, Amauri, è stato intervistato in esclusiva dalla redazione di Mediagol.it e ha commentato le voci su un suo possibile ritorno al Palermo: "Che effetto mi fanno? È sempre bello e piacevole sentire queste cose, poi giustamente devo parlare con il mio procuratore, lui per adesso è a Milano, vedremo quello che sarà e cosa succederà... Come ho sempre detto in Sicilia sono stato benissimo e se sono diventato ciò che sono oggi è grazie al Palermo. Quando si parla di questa squadra e di questa città entra una parte del sentimento e della riconoscenza, adesso si sta parlando tanto, vediamo quando mi arriverà qualcosa di concreto e di chiaro, cioè qualcuno che mi chiami e mi dica come stanno le cose: in quel caso parleremo e vedremo".

"Se sarei disposto a ridurmi l´ingaggio? Sì, ma le cose in questo caso si devono fare in tre, perchè in gioco ci sono io, il Palermo e la Juventus quindi si deve vedere. Se poi la Juve chiede 7 milioni di euro per il mio cartellino le cose si complicano a prescindere dal mio volere. Io sarei disposto a venire incontro alle esigenze del Palermo".