16
Carlo Ancelotti, allenatore del Napoli, parla dopo il ko casalingo contro l'Atalanta. Queste le parole rilasciate a Sky Sport: "Per un'ora abbiamo fatto molto bene. Abbiamo speso molto, abbiamo pressato alto e tenuto i ritmi alti. Poi col pareggio era difficile anche a livello psicologico, in virtù delle tante occasioni non sfruttate. Per un'ora però la squadra ha fatto ottimamente". 

SU INSIGNE - "Ha giocato tre partite in una settima: le due con l'Arsenal e col Chievo. C'è stato grande dispendio fisico, ho voluto preservarlo, sarà pronto per le prossime partite. E' un patrimonio importante per la società, deve riprendersi e tornare ai suoi livelli. Tutti noi l'aspettiamo".

SUL CENTROCAMPO - "Nella seconda parte di stagione abbiamo perso qualcosa, ma non penso sia dipeso dal fatto che siano andati via dei calciatori perché la soluzione l'abbiamo trovata sempre. Abbiamo perso motivazioni e spirito. Ora pensiamo a blindare il secondo posto, poi all'anno prossimo, prendendo spunto dal fatto che la prima parte di stagione è stata buona e la seconda meno buona". 

SULLA DELUSIONE - "Sì, sono dispiaciuto perché questa squadra può e deve dare di più. L'ha fatto in tante partite, ma è chiaro che quando perdi la motivazione magari arrivi in ritardo su una chiusura o su una palla gol. Il calcio è questione di attimi e quando non sei al 100% l'attimo si sfugge".