Commenta per primo

Si è rivelata un successo di pubblico e calore per Giancarlo Antognoni la festa realizzata ieri sera al palazzetto di Firenze ‘Nelson Mandela forum’ che ha radunato, per salutare una delle storiche bandiere della Fiorentina, circa tremila sostenitori viola. Folta anche la rappresentanza di giocatori della squadra attuale, fra cui Jovetic, Mutu, Gilardino, Comotto e Montolivo, prima sommersi dai fischi, poi da applausi. Assente, pur essendo stato annunciato, il portiere viola Sebastien Frey che, ha ricevuto ieri a Firenze, a sorpresa, la visita della madre, venuta apposta dalla Francia.

Tornando alla delegazione viola fischi ed insulti sono volati all’indirizzo del d.s. della Fiorentina Pantaleo Corvino al momento del suo intervento sul palco, anche se il dirigente maggiormente contestato è stato l’amministratore delegato Sandro Mencucci, da diversi mesi al centro della contestazione di una parte dei supporters per l’introduzione anche da parte del club viola della tessera del tifoso e per i prezzi del biglietti al ‘Franchi’ . Lungamente applaudito e circondato per foto ricordo ed autografi il tecnico della Nazionale Italia, ed ex allenatore gigliato, Cesare Prandelli.