Commenta per primo

Luca Antonini, terzino del Milan, è intervenuto in esclusiva a Radio Sportiva.

VITTORIA SUL CATANIA - "E´ venuto a Milano dopo un filotto di risultati importanti. Nei primi minuti ci ha messo in difficoltà, poi è uscito il vero Milan che ha messo la partita in cassaforte".

RILANCIO MILAN - "All´inizio non abbiamo fatto bene, è mancato tanto Robinho anche se Cassano ha fatto la differenza. Ma con Robinho abbiamo più punti di riferimento. Ora siamo entrati in condizione, il mister può contare wsu 22 giocatori di grande livello".

ABATE - "Ignazio ha fatto benissimo l´anno scorso, ha dimostrato di meritare la nazionale. Io l´avrei convocato anche prima, forse Prandelli aspettava la piena maturazione. Non è un tappabuchi: Ignazio gioca in un top club titolare, non è certo una convocazione a questo scopo. Leonardo puntò tanto su me e lui, quell´anno siamo migliorati anche grazie a Tassotti che ci ha arretrati. Il merito di averci lanciato è di Leronardo, ma la consacrazione è arrivata con Allegri. Zambrotta si impegna e si mantiene fisicamente, è un campione che anche ieri sembrava un ragazzino: sono contento per lui anche se è un mio diretto concorrente. Qui al Milan c´è un bel gruppo, nessuno se la prende se
gioca un altro. Taiwo? Bisogna dargli un po´ di tempo per adattarsi al calcio italiano: è giovane e ha notevoli margini".

CASSANO - "L´ho visto due giorni dopo la gara di Roma: dai giornali sembrava un moribondo, invece era il solito Antonio sereno e scherzoso. Sono stato contento, sapere Antonio in quella situazione mi ha fatto male, quando l´ho visto mi sono tranquillizzato. Poi l´omaggio del Real ieri fa capire che lui lascia in tutti quelli che l´hanno conosciuto un grande ricordo".

PARTITE RINVIATE - "Se hanno preso queste decisioni è perchè c´era pericolo per i tifosi anche se non per la partita in sé. Hanno fatto bene, non so i particolari ma il motivo certamente era valido".

AVVERSARIE - "E´ presto per dire chi sono le nostre concorrenti. Lazio e Udinese meritano di stare lì, ora noi pensiamo solo a fare il massimo per rivincere il campionato. Se continuiamo così faremo una altra grande annata".