Arsene Wenger, allenatore dell'Arsenal, ha parlato in conferenza alla vigilia del match valido per il ritorno degli ottavi di Europa League di domani contro il Milan: "Ci siamo allenati oggi, sono tutti a disposizione a parte Lacazette".

Su Mkhitaryan: "Si è adattato molto bene, sono contento. Giocatori del suo calibro hanno grandi qualità, ma d'altra parte ha già esperienza europea. Non sono sorpreso. I suoi trascorsi? Conta come giocheremo domani come squadra".

Su Lacazette: "Penso che tornerà dopo la pausa per le nazionali, è sulla strada giusta".

Sulle pressioni: "Lo so, non mi sorprende. Per un calciatore professionista, anche l'ambiente crea stress. Per giocare oggi, devi avere una grande resistenza allo stress, e devi anche poter esprimere quello che vuoi fare tenendo in forma il tuo corpo. Ci sono sempre incertezze, c'è sempre stress".

Su Wilshere e il rinnovo del contratto: "Per me non è cambiato nulla. Rinnova? Non lo so, ma Jack sarà libero a fine stagione. Gli abbiamo fatto una proposta perché vorrei che rimanesse in futuro. Questo è quello che voglio e spero che lo farà".

Sulla formazione: "Non è mai facile, dovremo essere in grado di mettere in campo una squadra per vincere".

Su Wilshere in Nazionale: "Sì. Spero che faccia parte dell'Inghilterra in futuro, le sensazioni sono positive ma dobbiamo aiutarlo. È il mio lavoro".

Sull'Europa League: "Tutti vorrebbero giocare sempre la Champions League, ma anche in questa competizione ci sono ottime squadre: Milan, Borussia Dortmund, Atlético Madrid, tante ottime squadre francesi".

Sui favoriti: "Non importa, dobbiamo fornire la prestazione che ci si aspetta da noi, dare il meglio. La competizione è molto complicata".

Sulla poca continuità: "È una cosa fondamentale, a volte quando hai un periodo difficile è importante tornare a ottenere risultati. Vincendo ci sono più opportunità di vincere le partite successive".