Commenta per primo
Gian Piero Gasperini, tecnico dell’Atalanta, è ancora carico per la vittoria europea al Mapei Stadium contro l’Apollon Limassol, ma la testa è già tutta al match casalingo di domani contro un Bologna sempre più in forma: «Questa classifica è vera, il Bologna arriva da una striscia di vittorie di fila, noi in campionato dobbiamo dare una nostra definizione di obiettivo a cui dobbiamo puntare e se riusciamo a migliorare la media della nostra classifica. Io sono molto soddisfatto di come la squadra sta giocando queste partite, dalle amichevoli alle ultime gare, nel calcio non si vince ai punti, bisogna concretizzare, dobbiamo andare avanti in questa strada offrendo grandi prestazioni con più rabbia per essere ancora più protagonisti nella classifica di serie A. Qualcosa a livello nervoso lo concediamo, ma l’impegno e la volontà di questi ragazzi è davvero notevole. Sono convinto che arriveranno più vittorie».

PETAGNA- «Petagna sta facendo grandi partite e sta anche realizzando anche con una buona percentuale di gol, è una grande risorsa. Per me è una forza. Avrà ancora un margine ma comunque lui gioca per la squadra, è strepitoso. Il problema era la pressione per il gol che l’aveva innervosito, quando giocava solo dentro l’area, non si muoveva e si snaturava. Lui va apprezzato per le sue caratteristiche. Un giocatore importantissimo per quello che fa».

ILICIC- «Ilicic deve diventare un grande giocatore da noi, quest’anno ha 29 anni, può avere grande continuità, può diventare un giocatore molto più importante di quello che è stato fino ad adesso».

DOPPIO IMPEGNO- «Il campionato italiano è difficile e molto equilibrato. C’è il rischio di lasciarsi prendere dall’Europa e dall’entusiasmo. Giocare le coppe ci sta piacendo molto, ci vogliamo provare. Portare 14.000 persone a Reggio Emilia di giovedì sera è una soddisfazione e un orgoglio che ci carica, ma ora dobbiamo pensare anche a Bologna, Verona e Udinese».
DIFESA- «Può dare fastidio subire gol in tutte le partite ma è stato difficile finora limitare avversari precisi, mi preoccupa buttare via la partita in 5’ se giochiamo bene e prendiamo più gol in pochi minuti. Toloi ieri ha fatto un buon allenamento, per me è guarito, se domani non gioca, giocherà mercoledì».

PAPU- «Il Papu ha preso una brutta botta sul ginocchio e vediamo oggi cosa fare con lui. Io ragiono solo sulla partita di domani. Metterò la squadra migliore possibile».

BOLOGNA- «Per il Bologna parlano i risultati che sta facendo, le sue vittorie, i risultati, una squadra pericolosa in avanti e in trasferta e si sa difendere e sfruttare bene le opportunità. Ci aspetta una partita delicata, per me è fondamentale domani fare bene e dare una svolta al campionato. Il Bologna è più riposato e ha giocatori importanti come Palacio. Un grande campione. Deve essere una risposta a come vogliamo proseguire nel campionato».

BERGOMI- «Si è commosso al nostro 3-1 sull’Apollon? Gli piace il calcio e regalare emozioni per noi non ha prezzo. Le nostre coreografie, la sportività, il gioco, per noi è motivo di grande orgoglio e anche per tutta Bergamo».