Commenta per primo
L'allenatore dell'Atalanta Gian Piero Gasperini ha parlato prima del match di Champions League contro lo Shakhtar a Sky: "Le assenze sono pesanti indubbiamente, però siamo venuti qui sapendo che ci siamo regalati una grande opportunità dopo un inizio difficile. Domani abbiamo una carta importante da giocarci, nel frattempo siamo cresciuti e abbiamo maggiore determinazione. Anche la partita di andata, per quanto lo Shakhtar sia un'ottima squadra, ci dà fiducia".

Quali sono i pregi e i difetti degli ucraini?
"Hanno giocatori molto tecnici, con grande qualità offensiva. Taison per esempio ha una velocità che può portarli alla superiorità numerica. Quando attaccano sono pericolosi, sanno calciare in porta e tutti possono segnare. Credo che, se riusciremo a reggere il loro urto offensivo, avremo la possibilità di renderci pericolosi, perché loro ci possono concedere qualche occasione per giocare la palla nella loro metà campo. Dovremo essere molto bravi negli ultimi 20 metri, e allo stesso tempo stare attenti. Dobbiamo reggere la partita".

Solo una squadra nella storia della Champions è riuscita, con zero punti dopo le prime tre giornate, ad andare agli ottavi di finale. Cosa dirà alla squadra?
"Abbiamo la consapevolezza che ci possiamo giocare. Non ci speravamo più, soprattutto dopo la partita d'andata che è stata una beffa perché meritavamo di più. Poi ci sono stati dei segni del destino: i pareggi rocamboleschi di Shakhtar e Dinamo ci hanno lasciato delle opportunità. Domani scendiamo un po' con questa cabala a favore, sperando che succeda una seconda volta".