2
Atalanta-Juventus 3-0
 
Atalanta

Berisha 6,5: pronto a frenare CR7 non appena compare all’orizzonte, i suoi guantoni salvano la rete dalla punizione di Bernardeschi, ma non trattiene mai e nella ripresa rischia il gol su ribattuta. Salva ancora a suo modo su Khedira, ma sarebbe meglio se chiudesse col lucchetto.
 
Toloi 7,5: deve fermare Ronaldo e Bernardeschi, compito non facile per lui ma fa quel che può, impreciso su alcuni passaggi, mura le poche conclusioni bianconere. Bravo e attento a mandare all’aria la palla gol bianconera frutto della disattenzione di Palomino.

Djimsiti 7: spazza via, ma con la Juve non puoi limitarti a un leggero colpo di tacco in area piccola, migliora con i minuti. Con un colpo di testa si mostra pericoloso anche sotto porta. Si fionda su CR7 non appena si avvicina e al 35’ p.t. blocca la sua azione facendosi fare fallo dal portoghese. Ammonito, ma con logica: era l’unico modo per fermare Dybala.

Palomino 7: pressato da Khedira, fa del suo meglio e respinge con testa e corpo le punizioni ravvicinate della Juve. Nella ripresa sii fa sfuggire la palla a pochi metri dalla porta bianconera ma poi si fa perdonare buttando via la palla a pochi cm dal 2-1.

(dal 44' s.t. Masiello: sv)

Hateboer 7: corre e cerca di tenere in campo i palloni più sporchi dei compagni, permettendo la superiorità numerica dei compagni

de Roon 7,5: al 6’ p.t. si libera con grinta e tira dal limite, la sfera non entra di poco. Uno dei primi a buttare via la sfera dall’area piccola assediata dai bianconeri. Matuidi non lo può vedere: l’olandese gli soffia sempre la sfera dai piedi.

(dal 45' s.t. Gosens: sv)

Freuler 6,5: ritorna in campo e dà il suo apporto a centrocampo controllando la sfera e servendo i compagni con precisione, peccato per il giallo preso ingenuamente. Nel finale recupera palla che è un piacere.

Castagne 8: è nel suo momento d’oro, in buona forma fisica corre a più non posso sulla fascia sinistra ma spesso il Papu non lo serve. Suo il gol del meritato vantaggio nerazzurro con una bordata di destro che trafigge Cancelo prima e Szczesny poi.Non si risparmia mai e continua a cercare sponde per tutta la gara.
 
Gomez 7: cerca l’area di rigore e il compagno Ilicic, al 4’ p.t. tira da fuori una bordata che spaventa un po' Szczesny. Incantevole il suo destro a mirare l’angolino basso sinistro al 24’ p.t. e solo il miracolo di Szczesny salva la Juve.
 
Ilicic 6: si fa scappare la palla appena l’arbitro fischia, ma poi corre subito sulla fascia destra ad attaccare. Regala alcune sfere alla Juve. Sfortunato, si fa male in due occasioni e deve lasciare il campo.
 
(dal 26’ p.t. Pasalic 6: non sbaglia i passaggi e già questo è un miglioramento, poi presenzia sull’azione del gol e recupera alcuni palloni nonostante calcoli male i passaggi sotto porta).

Zapata 8,5: Chiellini da capitano esperto qual è sa con chi ha a che fare e blocca la furia nerazzurra quando si invola nell’area piccola. I suoi diagonali sono sempre pericolosi e infatti al 39’ pt fulmina Szczesny con la bordata della pantera. Si ripete a pochi minuti dal termine, su assist di De Sciglio.
 
 
All. Gasperini 7,5: formazione di titolari per il mister, che recupera Freuler. La sua Atalanta parte come domenica, combattiva ma poco concreta, finché alla mezz’ora non arrivano anche i gol. È una dea da semifinale, per la seconda volta di fila con lui. È una Dea da Coppa Italia.